Cygnus

Waiting for Cygnus.

Waiting for Cygnus. Credits: ESA/NASA

It is dark outside, an impenetrable blackness surrounds us, so we are probably flying over an ocean as. I look around the Cupola and realise that the lights around me and the surreal blue twilight outside would probably drown-out the faint lights of the big cities anyway. Cygnus is flying below us, invisible in the darkness that surrounds it, but Karen and I will try to catch a glimpse of the spacecraft anyway: I know that dawn is not far off, and I have been waiting a week to see the supply ship.

I might have lost my eagle-eyes that I developed as a pilot, when I was trained to recognise aircraft from kilometres away, but luck did not abandon me. As the first rays of sunlight tear through the shadows, colouring the horizon gold, ochre and blue, an alien glow attracts my attention. Standing out bright and silvery in the background Cygnus catches the light and reflects it in its glorious, technological splendour.

"Tally," I say to Karen, trying to contain my excitement, and point at Cupola’s centre window. Karen nods her head, calmly confirming my sighting and informs Houston via radio. I know dozens of people there are waiting for developments with the same excitement that I feel.

Karen is responsible today for all communications relating to the small cargo ship. The spaceship is approaching fast as the data flowing over our monitors confirms. My task for the next hour will be to monitor Cygnus’ position sensors and compare it to the data I get from a portable laser that calculates the spacecraft’s distance and speed. Its speed should be as constant as possible as I aim the laser at the same spot on the spacecraft. I am rewarded by a series of green lights – the control software confirms that the data from my laser match the data from the sensors on Cygnus.

Laser tool. Credits: ESA/NASA

Laser tool. Credits: ESA/NASA

The Cupola does not offer much space, and it is now even more crowded. In addition to Karen and me, we have two computers for the procedures and for the control software. We also have the Cygnus control panel which is the same my colleague Chris Cassidy used for the HTV berthing. A number of cameras document this first mission of Cygnus as well as some snacks fill the module.

The spacecraft’s performance is impeccable, when it is 230 meters away, Karen runs a test that the spacecraft needs to complete for its maiden flight: she commands a retreat and the Cygnus slows down, stops, and backs up to a distance of 250 meters. When Houston tells us that Cygnus has resumed its approach, Karen prepares a second test, again at 230 meters. She sends the command to hold. The spacecraft obediently stops and waits for new commands.

At this distance, the spacecraft’s ‘tail’, the service module with the computers and motors, appears white. Its ‘wings’, the two solar panels shine as chrome. Its navigation lights are clearly visible, two white strobes in the centre with a red and green light on either side, the colours of the Italian flag floating in space. Cygnus’ pressurised module is built in Italy and I smile at the thought of this unintentional tribute to my country.

In a few minutes everything is ready for the approach that will bring Cygnus to thirty metres and then to ten meters. At that point the spacecraft’s interface will be only five metres away from the robotic Canadarm2. My job is to bridge that distance and then catch Cygnus. I prepared during long simulation sessions on Earth and repeated the training on the Station in dozens of virtual situations, going through the simplest of scenarios to the most extreme.

Cygnus and Canadarm2

Cygnus and Canadarm2. Credits: NASA

The spacecraft now fills our view, and we appreciate its size. It is smaller than HTV, but no less impressive: when it stabilises in the capture area I observe its slow and control movement thanks to the camera mounted on the tip of the robotic arm ­- the same one that will allow me to move the spacecraft manually until it berths with the Station.

Houston gives us the go-ahead to start capture. I follow the spacecraft by looking on the monitors as I try to find the best moment to capture Cygnus: I have to wait until it is particularly stable. In a state of automation from practice sessions during my training I start my approach. "I am going to" I say to Karen, who immediately responds "Copy". The robotic arm reacts to my commands and within seconds we are about three and a half meters away. The dialogue between Karen and myself that follows gives me a sense of déjà vu as we have practised so many times in training..

"Go for free drift."

"Copy , go for free drift. Command sent. Command received."

Karen waits to see the characteristics of free drift on her monitor, and after a few seconds she confirms: "Free drift."

"Copy , free drift. Two meters."

Canadarm2. Credits: ESA/NASA

Canadarm2. Credits: ESA/NASA

I get the robotic arm to within a meter and a half after spending some time pushing the it forward. My controls are minimal, spending more time thinking than performing: the Canadarm2 is almost 20 meters long and abrupt moves can cause unwanted oscillations.

Karen tells me the distance from my target based on marker ‘pins’ on the Canadarm: "Two pins away."

"Copy."

…"One pin."

"I am go," I say , because my target is perfectly aligned with the reference data on my monitor.

"Concur," Karen replies, confirming my thoughts and almost immediately adds: "over the pin."

Then, almost in unison, we both say "In the envelope" and I press the trigger that starts capture. We were less than a minute into the procedure. But our smiles form a memory that will last a lifetime .

In a few hours , Karen and I perform robotic manoeuvres to position Cygnus and attach it to Node2. We then move the spacecraft and integrate it with the station. There is still much work to be done and the day was long. In agreement with ground control we decide to open the hatch tomorrow. Inside the spacecraft supplies and spare parts await us but it is chock-full of the dreams of those who took part in this space adventure and full of affection from our friends and family on the ground.

Luca Parmitano

After capture. Credits: ESA/NASA

Karen and Luca after capture. Credits: ESA/NASA

This entry was posted in Luca blog, Operations and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

47 Responses to Cygnus

  1. alex says:

    "pari facili fari l'astronauta......"

  2. Mattia says:

    Che bello seguirti, riesci a farci sognare! Saluti da Paternò!

  3. giovanni Brunello says:

    GRANDI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!1

  4. Giancarmine says:

    Mitico Luca! Il fatto di tenere un blog, oltre ad informare sulle vostre attività, vi fa apparire meno "alieni" di quanto si possa immaginare. Buon lavoro! ;)

  5. Ciao Luca,
    leggendo il tuo scritto preciso, bello e informativo come sempre, mi ritrovo a trarre alcune conclusioni personale sulla Tecnologia e sui suoi effetti.
    Dunque la Tecnologia accorcia le distaze,
    riduce gli spazi, in senso operativo per così dire, ma non riduce l'efficacia della sua applicazione.
    Inoltre la Tecnologia non riduce e nè sacrifica tutta la bellezza che l'uomo sa e può cogliere, all'interno degli spazi, ma anche all'esterno.
    La Tecnologia non nasconde la luce e i riflessi di quest'ultima sui colori.
    La Tecnologia non nasconde neppure la capacità del'uomo di interpretare gli spazi, sia interni che esterni, attraverso una chiave di lettura poetica ed emozionale che da sempre l'uomo ha in sè fin dall'antichità.
    Ulisse docet.
    Ma soprattutto la Tecnologia si rivela essere al servizio dell'uomo e non l'uomo al servizio della Tecnologia.

    “Go for free drift"

  6. Angelo says:

    Più leggo i tuoi resoconti , Luca, e più mi convinco che hai un futuro da scrittore di successo.
    Grazie ,ciao

  7. Angela says:

    C'ero.
    Una domenica attesa, che doveva sostituire quella rimandata. La prima volta di un astronauta europeo ai comandi del CanadArm per la cattura di un veicolo in free drift... non potevo non esserci.
    "Cygnus working perfectly and holding at 220m! I was happy to be the first to shout "there it is!"... non puoi immaginare la mia espressione di quel momento.
    Che emozione appena ha incominciato ad avvicinarsi, avevo le palpitazioni! (ahahah) Sentivo solo Karen, ma bastava per vivere da lontano la stessa emozione, fortissima, perché sapevo che ai comandi c'eri tu... che stavi per scrivere un altro capitolo importantissimo di questo Sogno. Un siciliano, grandissimo, che lasciava la sua firma, ancora una volta, fra le stelle. Orgoglio di casa nostra.
    Sono stra-felicissima per te... tutto questo te lo meriti.
    Adesso, dimmi te se potevo non esserci! ;) un abbraccione, e grazie per avermelo fatto rivivere da ancora più vicino, vostro sorriso compreso. : )))

  8. Davide Bettati says:

    Luca, hai una dote molto rara:
    quella di associare in modo indissolubile la descrizione chiara delle operazioni che hai fatto con l'emozione che hai vissuto. Distinguerle nel tuo racconto è impossibile e questo lo rende appassionante: ho la sensazione di avere vissuto anche io tutta l'operazione come e più che se avessi assistito al film in 3D.

    E' tutta un'altra storia rispetto alla descrizione della tua (dis)avventura di qualche settimana fa (per fortuna!), ma l'emozione è stata comunque forte.

    Complimenti sinceri dalla Pianura Padana, già entrata nella stagione uggiosa.
    Davide

  9. Rossella says:

    Luca ,ho "sentito" quest'avventura dall'inizio quando ancora il Cygnus doveva prendere il volo...quanto sul monitor hanno cominciato a spuntare ,prima le ali ,nascoste dall'oscurità , e poi si sono delineate piano piano le sue forme insieme a quelle luci che da subito mi hanno riportato alla nostra nazione è stata pura spettacolare meraviglia ,cercavo di immedesimarmi in quello che tu vivevi/vedevi in quel momento...era la tua missione, ma anche la nostra-contagiati e coinvolti dalla tua alchimia, con l'orgoglio indiscusso di condividerti..così virtual/umana-mente interattivo da attraversarci nelle parole di ogni giorno -ho seguito entusiasmata a quella cattura che non ha reso subito il suo racconto,ero rimasta un pò sospesa a metà..... adesso , dopo la tecnologia ,leggendo questo racconto, definirei la cattura del Cigno molto più umanamente... "un'emozionante seduzione"..siete andati oltre con quest'esperienza ,in un limbo tra terra e cielo, dove ognuno vivendoti ritrova il sogno di volare via , hai portato tutti noi lassù prima , ed emozionati a sorpresa ora..hai sedotto anche noi ! facciamo parte delle tue conquiste..me ne rendo conto vivamente adesso!..Luca sei anche tremendo..l'emozione mi dice di trasmetterti un battito del cuore ,che ad un battito di mani c'è sempre tempo..e non è sicuramente merito mio se è così ! <3 un'abbraccio..

  10. Maria Teresa Noto says:

    Ciao Luca,
    TECNOLOGIA, ADDESTRAMENTO, BRAVURA, SINCRONISMO, PRECISIONE sono tutti elementi che caratterizzano questa manovra di "cattura" e quanto altro viene fatto lassù; però, per contraddistinguere quanto descrivi qua, aggiungerei un elemento che non puoi imparare in nessuna università, in nessuna accademia: EMOZIONE!!!!
    Si può programmare una macchina a far qualcosa con precisione, ma non la si può programmare ad emozionarsi! ;)
    E l'emozione, o meglio le emozioni (lavorative, professionali e personali), ed anche il fatto che ci rendi partecipi di tali sentimenti, ti rendono "particolare" :-).
    Continua ad emozionarti, come è nel tuo carattere, e continua ad emozionarci!!!!
    Ciao Lucaaaaaa :-)
    Un abbraccio

    Maria Teresa

  11. Fernando Santoni says:

    Grazie Luca per l splendide immagini che ci invii, complimenti per il tuo lavoro e per quello di tutti i componenti la ISS. Un caro saluto a tutti!

  12. Memorabile post di culto sulla cattura di Cygnuss, dal Blog di Parmitano, maestro di suspense: meglio di un copione di Alfonso Cuaròn.

    Come in 3D, tutti sulla ISS

    Non si rimpiangono nemmeno Clooney e la Bullock.

  13. andreina says:

    splendide pagine di capacità, bravura e lucidità nello spiegarle in modo comprensibile a tutti anche ai non addetti ai lavori. Grazie come sempre

  14. andreina says:

    grande come sempre. spettacolare spiegazione per non addetti ai lavori

  15. Brava to my brave brother and sister, Luca and Karen for executing such a task and sharing the VISION with ur earthling brothers and sisters!!!

    Most important.....DON'T FORGET TO WAVE!!!!!! XOXOXOXOXOXO

  16. Olga Garcia Crescente says:

    Stupendo leggere questi momenti così emozionanti per voi, anche noi nel nostro piccolo eravamo emozionati perché eri te quello che catturava il Cignus. Credo l'abbiamo anche sognato perché si è fatto attendere tanto però vedervi le facce dopo la cattura con quel sorriso travolgente paga tutta l'attesa e l'adrenalina messa in circolo. Oggi vi dico grandissimi grazie! (Non te la prendere perché sempre ti chiamo grandissimo solo a te) ma è meritatissimo, ancora grazie per ciò che riesci a trasmettere ogni volta che ci racconti qualcosa. Un abbraccio

  17. dorisa says:

    E che meraviglia...la prima esclamazione che mi viene per esprimere la gioia nel leggere le manovre eseguite passo passo. Sì perché ad ogni avvenimenti su ISS corrisponde il momento di descrivere con le parole per chi segue la vista avventura. Come sempre oltre alle manovre tecniche in perfetta sintonia . C è bello sempre l esprimere i sentimenti vissuti. Adrenalina gioia soddisfazione nel capire e,xké no, vivere di riflesso tutto ciò che fai regalando un brivido.
    Mille.volte grazie per tutto questo.

  18. Mirella Mancini says:

    Caro Luca,
    la tua capacità di provare, ma soprattutto di trasmettere emozioni è veramente grande! Sei un uomo, come si dice, a tutto tondo, e per questo sei un mito: ho avuto la sensazione di essere lì con voi. Chi non ti sa o non ti può seguire perde qualcosa di veramente importante, in un mondo in cui non si capisce più niente, dove si confondono le priorità, i sentimenti, gli obiettivi...! Grazie, grazie per le emozioni nuove, fantastiche che ci permetti di condividere con voi, con te in particolare.

  19. "Il paradiso non è mica un luogo.
    Non si trova nello spazio, e neanche nel tempo. Il paradiso è essere perfetti.
    Tu sei uno che vola velocissimo vero?
    Raggiungerai il paradiso, allora, quando avrai raggiunto la velocità perfetta.
    Il che non significa 1000 miglia all’ora, né 1000000 di miglia, e neanche vuol dire volare alla velocità della luce.
    Perché qualsiasi numero, vedi, è un limite, mentre la perfezione non ha limiti. Velocità perfetta, figlio mio, vuol dire solo esserci, esser là."

    dal libro "Il gabbiano Jonathan Livingston" di Richard Bach

    Luca,
    ho preferito lasciarti questo passaggio di questo bellissimo libro perchè non avrei saputo usare parole altrettanto belle ed incisive per trasmettere tutte le emozioni che ci fai provare leggendoti...
    Tu ci sei. Tu sei là. E ci arrivi sempre, dritti al cuore.
    Grazie ancora.

  20. meredic says:

    Your description of your adventure continues to blow me away Luca.
    Thank you so much for taking time to share with us.

  21. Lino says:

    Carissimo amico,
    grazie per tutto quello che hai condiviso e continui a condividere con noi... Solo un uomo immensamente straordinario come te, poteva riuscire ad entrare nel cuore di milioni di persone. Le tue parole così semplici, umili e umane, mi hanno fatto comprendere quanto di speciale ci sia nella tua missione.
    Sei il mio Astronauta preferito e sono Felice di potertelo dire.
    Mi dispiacerà moltissimo quando la tua missione si concluderà, perché tutto questo mi mancherà, ma è giusto sia così... E' giusto che ritorni dalla tua famiglia.
    Grazie per avermi "portato" nello Spazio...
    Salutami Karen.
    Ti abbraccio!
    Lino

  22. Fiorella says:

    Quando leggo quello che scrivi, Luca, mi sembra di vivere le tue stesse emozioni, e' come leggere un libro di avventure spaziali che esistono solo nella fantasia. Sei molto coinvolgente ma dimmi, quando trovi il tempo di scrivere?

  23. annabo43 says:

    Ciao Luca, mi hai regalato una grande emozione e sei riuscito a farmi capire anche le cose più difficili e che potevano risultare incomprensibili per i non addetti. Come sempre hai una scrittura avvincente da grande romanziere, infatti questa pagina sembra di una grande avventura spaziale, mentre invece è reale. Ti prego continua sempre a farci partecipe delle tue emozione (che sono diventate anche le nostre). Un abbraccio

  24. "Il paradiso non è mica un luogo.
    Non si trova nello spazio, e neanche nel tempo. Il paradiso è essere perfetti.
    Tu sei uno che vola velocissimo vero?
    Raggiungerai il paradiso, allora, quando avrai raggiunto la velocità perfetta.
    Il che non significa 1000 miglia all’ora, né 1000000 di miglia, e neanche vuol dire volare alla velocità della luce.
    Perché qualsiasi numero, vedi, è un limite, mentre la perfezione non ha limiti. Velocità perfetta, figlio mio, vuol dire solo esserci, esser là."

    dal libro "Il gabbiano Jonathan Livingston" di Richard Bach

    Luca,
    ho preferito lasciarti questo passaggio di questo bellissimo libro perchè non avrei saputo usare parole altrettanto belle ed incisive per trasmettere tutte le emozioni che ci fai provare leggendoti...
    Tu ci sei. Tu sei là. E ci arrivi sempre, dritti al cuore.
    Grazie ancora.

  25. Luca, ogni tuo gesto perfettamente razionale e controllato comunica una carica emotiva che affascina e trasporta in una dimensione al limite del surreale. Bella l'intesa con la tua compagna di lavoro, bella la sincronia dei gesti, delle parole e degli sguardi di assenso che concludono un'azione di sicuro non banale. Complimenti! ti immagino a scrutare nel buio, non solo riesci a vedere oggetti a chilometri di distanza ma puoi vedere anche oltre le distanze i sogni e l'affetto... pochissimi sono capaci di fare questo. Lo spazio insegna tutto questo?

  26. Ludovico lalatta Costerbosa says:

    Racconto emozionante. Complimenti per l'azione e per come l'hai descritta. Una delle cose che mi hanno colpito è come assieme all'altissima tecnologia continuino ad essere fondamentali le capacità dell'uomo, quelle "umane" appunto ( bellissima la sequenza della ricerca a vista del "baule" in arrivo con i rifornimenti e come restino in uso antiche soluzioni, come quelle mutuate dalla nautica, delle luci rosse a sinistra e verdi a dritta. Non per nulla vi chiamano "astronauti". Buona navigazione!

  27. Ludovico lalatta Costerbosa says:

    Racconto emozionante. Complimenti per l'azione e per come l'hai descritta. Una delle cose che mi hanno colpito è come assieme all'altissima tecnologia continuino ad essere fondamentali le capacità dell'uomo, quelle "umane" appunto ( bellissima la sequenza della ricerca a vista del "baule" in arrivo con i rifornimenti e come restino in uso antiche soluzioni, come quelle mutuate dalla nautica, delle luci rosse a sinistra e verdi a dritta. Non per nulla vi chiamano "astronauti". Buona

  28. antonio fracchiolla says:

    Ecco fatto!!
    Un altro post da custodire negli scaffali della mente così come se fosse una libreria con tanti libri posti su di essa.
    Un altro racconto che suscita interesse per quello che fate e per come lo fate.
    Pensa che girando i tuoi post ai miei amici, ho coinvolto gli stessi a seguire la tua missione attraverso foto, date e ore di passaggio dell'ISS sopra i cieli italiani, e se come oggi la copertura del cielo non ha permesso di poter osservare in modo excellent il vostro passaggio, la voglia di tenere alta l'attenzione al prossimo giro, passa quasi subito attraverso messaggi wzap del tipo " houston Mission failed, attendiamo prossimo giro in condizioni metereologiche favorevoli".

  29. Ivana says:

    Anche per me, che sono una dei tanti comuni mortali che sta seguendo affascinata le tue missioni, è emozionante ciò che scrivi !! Sembra davvero di leggere un libro di Fantascienza (io che non ho mai particolarmente apprezzato il genere ...), solo che è tutto vero !! Riesci con semplici e chiarissime parole a descrivere tutto ciò che ti sta accadendo e non è solo un banalissimo report ma ..... altro !!!
    Grazie ....
    P.S.
    Se riesci mi mandi un augurio di Buon Anniversario (22 anni di matrimonio) da lassù, magari con una foto delle 5Terre/Portovenere, dove mi sono sposata ??

  30. Valeria says:

    E lo scrittore manifestò il suo spirito in tutta la sua potenza ...
    Ho letto e riletto questo pezzo, ma l'impressione che ne ho è sempre la stessa : in questo brano si manifesta la potenza evocativa del tuo animo avventuroso, che con vibrante commozione ci prende per mano e ci guida verso la cattura di una magnifica preda.
    Chiudendo gli occhi sembra quasi di vederlo, meravigliosa creatura che si arrende docile al cacciatore.
    Il lettore è lì con te, sente l'odore della tensione prima dell'attacco, nei momenti in cui l'adrenalina ti attanaglia ma tu la tieni a bada perchè devi essere vigile, devi sentire la preda, non con gli occhi, con i sensi acuiti dalla battaglia imminente.
    E mentre l'eccitazione scorre dentro te come fiumi di mercurio liquido, noi ci vediamo scorrere innanzi, l'epopea della conquista dello spazio, che passa, ancora una volta, attraverso la capacità di dare passione e spiritualità all'azione.
    Con questo brano il tuo stile narrativo matura e finalmente si palesa in forma certa e inconfondibile, con questo brano tu arrivi dritto al cuore coinvolgendoci col tuo spirito ardimentoso.
    Benvenuto tra noi, autore.
    Le emozioni che rilasci con la lettura dei tuoi brani, rimangono nell'aria come polvere di stelle e ci lasciano eccitati e partecipi di un sogno.
    E tutto questo non ha prezzo ...

  31. riccardo bernardini says:

    Stasera avevamo un appuntamento e infatti alle 20:20 vi abbiamo visto sorvolare lo spazio aereo sopra Grosseto. Bellissimo. E leggere ciò che scrivi pare leggere un libro di Giulio Verne... complimenti.... anche per l'aggancio. E pensare che siete così piccoli.....

  32. Marie says:

    Thank you. You give this old woman the feel of being there. My dream of 60 yrs

  33. Diego Veneri says:

    Si inizia a leggere e dentro la testa sembra di fluttuare con voi all'interno della iss. Un invidia che non hai neanche idea.!!! A differenza di altri astronauti italiani sembri un nostro FRATELLONE che con pazienza e orgoglio ci porta con se per darci la possibilita di vedere com'e lassu... e per me sarebbero giorni cosi intensi che dovre rimanere sempre sveglio per poter vedere tuttu .... è tutto cosi affascinante che è perfino bello vedervi con un aspirapolvere in mano...

  34. Igor Siliotto says:

    Caro Luca,

    quando ho saputo che stava per arrivare "Cygnus" con la mente pensavo all'opera "Il lago dei cigni" di Čajkovskij. E devo dire che deve essere stato un meraviglioso balletto cosmico l'avvicinamento della capsula.
    Leggendo le tue recensioni, video, interviste e quant'altro, tra le parole che hai pronunciato, spesso mi sovviene quella di "privilegio" che con sincera umiltà ti sei attribuito, alludendo alla scelta che l'ESA ha fatto nel selezionarti e non solo.
    Ma la bellezza della tua missione è che l'hai saputa sottolineare nel suo aspetto artistico: laddove Dio fa le cose bene, tutto risulta meraviglioso e pare un sogno. Si, una vita forse non basterà per assimilare una simile esperienza che racchiude spiritualità, umanità, scienza e tecnologia in uno spazio piccolo e infinito allo stesso tempo, della cosmonave ISS.
    Altri italiani ti hanno preceduto nello spazio, idealmente e fisicamente, ma con te molti di noi "terrestri" hanno potuto coronare il sogno di essere appagati anche senza mettere una tuta spaziale, magari con il tour alla città delle stelle...
    Per questo penso che oggi per me sei come un fratello e a volte dico a me stesso :"...zo, ma quello lì è un pilota di caccia ed è quello che qualche settimana fa era appeso al braccio canadese, nel buio siderale dello spazio, come una pallina luccicante di Natale sull'alberello!".
    Forza Luca, è bella la tua missione, credo sia pure molto dura, ma i tuoi sorrisi, credimi, rassicurano non solo Houston.
    Un abbraccio.

  35. Concetta Voza says:

    La bellezza di un dialogo che ha protagonista la Scienza, mi riporta a Leonardo e Galileo, con la felicità concessa da Luca, di partecipare a un presente, che avevo sognato come futuro. Da Siracusa non posso che immaginare Archimede protagonista di questa missione , che con le parole di Luca, pianamente racconta e descrive.
    La condivisione di questi momenti è un dono grandissimo fatto a tutti, ma specialmente ai giovani. E non posso che ritornare sulla bellezza della scrittura che cattura in ogni espressione: è per questo che copio e incollo , e invio ai miei nipoti, desiderando che leggano, capiscano e crescano, sapendo. Grazie Luca

  36. Dan Wiles says:

    Luca,
    La ringrazio molto per la cura prestata al mio satellite Cygnus. E' stato un momento di grande orgoglio per i miei colleghi e per me vedere come Lei e Karen Nyberg l’avete portato perfettamente in stazione.
    La ringrazio ancora per il Suo contribuito essenziale in questo evento che rappresenta un obiettivo molto importante nella mia carrier e di cui sono molto fiero.
    Distinti saluti,
    Dan Wiles
    Responsabile Integrazione e Test
    Cygnus Dimostrazione Missione

  37. Terry Savo says:

    sei entrato nel nostro cuore... con la semplicità delle tue parole e le immagini che riesci a prendere al... volo!!! e pensare che dietro tutto questo ci sono mesi e mesi di duro lavoro di attenzione e stress che sembrano essere cose così "normali" per Voi lassù... ce ne vorrebbero di persone come Voi... che spettacolo ....

  38. Ennesimi complimenti per le descrizioni della vita a bordo e ancor piu per l eccellente lavoro che fate lassù .... Ma c era si o no un termos pieno di caffè su Cynius ? ;)

  39. Alba Connio says:

    Con tus relatos y fotos espectaculares, nos has convertido en testigos y tambièn en soñadores a travès de tu viaje espacial. Desde Montevideo- Uruguay- Amèrica del Sur espero tener algùn dìa , el placer de leer un libro. Llegarà hasta acà??? Ojalà que sì! "Ciao Luca"!

  40. la tua descrizione esce dall'anima e si trasferisce sulla penna..grazie ci fai capire che l'uomo anche se nato imperfetto sta crescendo con la passione e l'amore per l'Universo che poi ''è tutto il nostro essere'' ..e credo anche una grande fede in tutto il Creato! Grazie!

  41. Angela says:

    C'ero.
    Una domenica attesa, che doveva sostituire quella rimandata. La prima volta di un astronauta europeo ai comandi del CanadArm per la cattura di un veicolo in free drift... non potevo non esserci.
    "Cygnus working perfectly and holding at 220m! I was happy to be the first to shout "there it is!"... non puoi immaginare la mia espressione di quel momento.
    Appena ho cominciato a vederlo avvicinarsi anch'io, cuore a mille! Sentivo solo Karen, ma bastava, per vivere da lontano la stessa emozione, fortissima, perché sapevo che ai comandi c'eri tu... che stavi per scrivere un altro capitolo importantissimo di questo Sogno. Un siciliano, grandissimo, che lasciava la sua firma, ancora una volta, fra le stelle. Orgoglio di casa nostra.
    Sono stra-felicissima per te... tutto questo te lo meriti.
    E adesso, dimmi se potevo non esserci! ;) un abbraccione, e grazie per avermelo fatto rivivere da ancora più vicino. Vostro sorriso compreso. : )))

  42. Lorna T. says:

    That has got to be one of the most exciting things to do up there. It is mind boggling how that can work going 17,500 mph! You and Karen must have the hands and skills of a surgeon catching a space cargo ship with a mechanical arm! Congrats!

    PS I really miss ISS Live! Hope the shutdown will be over soon!

    Lorna

  43. Fausto Scarafiotti says:

    Ho cominciato da un po' a leggere i post di Luca e li trovo di straordinaria bellezza. Sono sempre stato appassionato di cose celesti e di astronomia fin da ragazzo (ho 52 anni) e queste descrizioni rendono bene davvero l'esistenza e la vita condotta a bordo della stazione spaziale internazionale.
    E sono anche commoventi, si, mi sono commosso a leggere di questa manovra di aggancio , tanto è stata bella la descrizione fatta da Luca.
    continua così Luca, sei il mio eroe , ma non un eroe da cinematografo ,bensì un eroe fatto di grande preparazione , competenza tecnica, nervi d'acciaio ma soprattutto di grande umanità.
    Fausto

  44. David A. Howard says:

    And dreams do come true. You both have every reason to smile, well done!

  45. Igor Siliotto says:

    @costellato

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>