Dopo essere arrivato a bordo della Stazione Spaziale Internazionale nelle prime ore di domenica mattina, Luca si sta ambientando nella sua nuova casa che lo ospitera’ per i prossimi sei mesi. Ecco un elenco delle attività pianificate per le sue prime due settimane nello spazio.

Giorno 1 – Lunedi 22 Luglio

Lunedi e’ stato un giorno di introduzione alle attivita della ISS, riorientazione e adattamento allo spazio. I nuovi membri dell’ equipaggio hanno preso confidenza con gli strumenti e le strumentazioni della ISS.

Giorno 2 – Martedi 23 Luglio

Pulizie a parte, non ci è voluto molto tempo prima che Luca iniziasse uno degli esperimenti europei che sosterrà durante la sua missione Beyond.

L’esperimento NutrISS, sviluppato da Kaiser Italia per l’agenzia spaziale italiana ASI ed ESA, monitora i cambiamenti del bilancio energetico, del metabolismo e della composizione corporea che possono verificarsi durante il volo spaziale, per aiutare nella diagnosi dei cambiamenti muscoloscheletrici in microgravità.

I risultati ottenuti aiuteranno i medici a dare indicazioni nutrizionali agli astronauti affinché possano mantenere un corpo sano durante la permanenza nello spazio.

Ieri ha predisposto l’ esperimento in modo da poter prendere la prima misurazione nello spazio.

Verso fine giornata, l’intero equipaggio si è riunito per circa un’ora per rivedere il proprio ruolo e le proprie responsabilità in caso di emergenza. I quattro astronauti e i due cosmonauti hanno rivisto le procedure, i dispositivi di sicurezza e le vie di fuga per essere pronti a situazioni di emergenza come un incendio o una perdita di pressione a bordo della Stazione.

Giorno 3 – Mercoledì 24 Luglio

Luca prenderà la prima misurazione delle 7 previste per l’ esperimento NutrISS.

Per tutta la sua missione, Luca misurerà la massa corporea utilizzando un dispositivo nel segmento russo della Stazione e un analizzatore di bioimpedenza per misurare la quantità di grasso, acqua e tessuto magro nel suo corpo. Questo secondo test viene chiamato Bio-Impedance Analysis (BIA).

JAXA astronaut Koichi Wakata measures his body mass in the Zvezda Service Module of the International Space Station. NASA.

La bioimpedenza è una misura di quanto il corpo ostruisce o rallenta il flusso di una corrente elettrica a bassa intensità, passando attraverso il corpo, erogata e raccolta attraverso due coppie di elettrodi applicati alla mano destra e al piede di Luca.

Giorno 4 – Giovedì 25 luglio

Continua l’orientamento e l’adattamento dell’equipaggio, costituito tra le altre cose da allenamenti quotidiani.

Gli astronauti si esercitano per circa 150 minuti al giorno (compresa la messa a punto e lo smontaggio dei dispositivi, se necessario, e l’igiene) mentre si trovano nello spazio per combattere gli effetti di indebolimento muscolare e osseo della microgravità. Ma nelle prime due o tre settimane sarà particolarmente importante che Luca non si sforzi troppo, perché si deve riabituare a fare palestra in microgravita’.

La cyclette CEVIS, il tapis roulant T2 e il dispositivo di sollevamento pesi ARED aiutano gli astronauti a mantenersi in forma e in salute. Sono simili per molti versi all’attrezzatura che si può trovare in una palestra qui sulla Terra, ma ci sono alcune differenze.

Le macchine per gli esercizi della Stazione sono dotate di sistemi di isolamento dalle vibrazioni per garantire che i movimenti di un astronauta non influenzino la Stazione Spaziale o interferiscano con gli esperimenti in corso.

Ogni astronauta ha un’imbracatura personalizzata da utilizzare sul tapis roulant dotata di elastici che lo attraggono verso la pedana, permettendogli di correre. E non c’è il sellino sulla bicicletta! Non serve quando si pedala in assenza di peso.

Giorno 5 – venerdì 26 luglio

Oggi l’equipaggio aspetta l’ arrivo di Dragon SpaceX.

Mentre Luca e il cosmonauta russo Alexander Skvortsov lavorano per rendere operativo al 100% il laboratorio orbitale, l’ astronauta della NASA Drew Morgan monitorera’ l’ arrivo di Dragon. Gli astronauti della NASA Nick Hague e Christina Koch cattureranno e attraccheranno il veicolo commerciale di rifornimento al modulo Harmony della Stazione Spaziale intorno alle 13:00 CEST.

La nave da carico Dragon trasporta una serie di esperimenti scientifici che presto verranno installati nel laboratorio europeo Columbus. Questi includono Biorock – un esperimento che applichera’ un microbo su una roccia basaltica e valuterà il biofilm che si forma sulla roccia man mano che l’organismo cresce – e Amyloid Aggregation, che ci permetterà di comprendere meglio l’ adattamento del corpo umano nello spazio.

Oggi è prevista anche la formazione a bordo sull’hardware di emergenza.

Giorno 6 – sabato 27 luglio

Non è possibile sfuggire alle faccende settimanali, nemmeno sulla Stazione Spaziale.

Ogni sabato mattina, i membri dell’equipaggio lavorano per mantenere pulito il laboratorio orbitale. Guarda come puliscono la Stazione Spaziale in questo video della missione Proxima dell’astronauta dell’ESA Tim Peake.

Giorno 7 – Domenica 28 luglio

Oggi è un meritato giorno di riposo per l’equipaggio della Spedizione 60. Potrebbero godersi un film insieme, fare una videoconferenza con i membri della loro famiglia o anche dare un’occhiata ai social media.

Anche se non può andare a fare una passeggiata domenicale o andare al bar per un caffè e una torta, il team di supporto dell’equipaggio dell’ESA farà in modo che la vita di Luca a bordo sia il più confortevole possibile.

Il team di supporto sono le persone che facilitano la vita quotidiana degli astronauti in tutte le fasi della loro missione. Aiutano gli astronauti a concentrarsi e a rendere al meglio.

Per esempio fanno parte delle loro attivita’: l’organizzazione di videochiamate settimanali tra l’ astronauta e la sua famiglia, il coordinamento con la NASA per inviare pacchetti di assistenza all’equipaggio , il caricamento di film e musica.

Per saperne di più sul ruolo del team di supporto potete ascoltare l’episodio 2 del podcast ESA Explores dove parliamo con il responsabile ESA del team di supporto Romain Charles che ci racconta cosa avviene nel giorno del lancio e I tradizionali rituali.

Settimana 2

Per cinque giorni consecutivi durante questa settimana Luca completerà un “ESA Nutritional Assessment” utilizzando l’applicazione Everywear. E’ come “My Fitness Pal” ma per gli astronauti. Permette a Luca di tracciare il suo apporto calorico scansionando i codici a barre del cibo che mangia e inviarlo al suo team nutrizionale sulla Terra insieme alla composizione corporea e alle letture BIA dell’esperimento NutrISS.

Luca biking in space during Volare mission. ESA/NASA.

Una volta che il team nutrizionale di Luca avrà queste letture, gli consiglieranno se ha bisogno di mangiare più proteine o meno sodio.

Luca continuerà anche i suoi allenamenti per mantenersi in forma, rimanere forte e combattere l’impatto della microgravità sulla salute di muscoli ed ossa nello spazio.

Forniremo update periodici della scienza sulla ISS per tutta la missione di Luca.

Per maggiori informazioni tieni d’occhio questo blog e la sezione Human and Robotic del sito web dell’ESA.